fbpx
SICUREZZA MACCHINE: LE PROVE RUMORE

SICUREZZA MACCHINE: LE PROVE RUMORE

Condividi l'articolo

 

Simbolo di suono

 

Nell’ambito della sicurezza macchine e della Valutazione dei rischi macchina, un altro fattore importante da considerare e misurare ai fini della tutela della salute di un lavoratore è il Rumore.

Ci si riferisce in particolar modo alla verifica delle emissioni acustiche emesse da una macchina nel suo ciclo operativo sia alla postazione di lavoro che in altre posizioni, affinché non venga messa in pericolo la salute dell’operatore che, se sottoposto per lungo periodo ad eccessivo rumore, vede aumentare notevolmente il rischio di subire danni al proprio udito, e non solo.

La Valutazione del rischio rumore è dunque fondamentale, e comporta degli obblighi per il fabbricante in ottica di prevenzione, con l’obiettivo di eliminare il rischio rumore o di ridurlo al minimo laddove non sia possibile eliminarlo.

 

IL RUMORE

Il Rumore è un segnale acustico non gradito e indesiderato, che può avere origine artificiale oppure naturale.

Un essere umano sottoposto a rumore in modo costante può facilmente incorrere in danni all’apparato uditivo, di gravità più o meno intensa a seconda anche della potenza acustica.

Gli effetti causati dal rumore sono subdoli, poiché spesso non sono percettibili nell’immediato bensì nel corso del tempo e, in base alla loro gravità, possono portare con sé non solo traumi fisici ma anche effetti psicologici.

 

Apparato uditivo

 

LA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E IL RUMORE

Nell’Allegato I la direttiva Macchine 2006/42/CE sancisce il rumore emesso da una macchina come uno dei Requisiti Essenziali di Sicurezza e tutela della Salute da monitorare e rispettare:

 

1.5.8. Rumore

La macchina deve essere progettata e costruita in modo tale che i rischi dovuti all’emissione di rumore aereo siano ridotti al livello minimo, tenuto conto del progresso tecnico e della possibilità di disporre di mezzi atti a limitare il rumore, in particolare alla fonte.

Il livello dell’emissione di rumore può essere valutato in riferimento ai dati comparativi di emissione di macchine simili.

 

La direttiva Macchine va ulteriormente nello specifico, indicando ciò che il Manuale di istruzioni deve riportare nel suo contenuto a proposito del tema rumore:

 

[…]

j) le istruzioni per l’installazione e il montaggio volte a ridurre il rumore e le vibrazioni prodotti;

[…]

u) le seguenti informazioni relative all’emissione di rumore aereo:

— il livello di pressione acustica dell’emissione ponderato A nei posti di lavoro, se supera 70 dB(A); se tale livello non supera 70 dB(A), deve essere indicato,

— il valore massimo della pressione acustica istantanea ponderata C nei posti di lavoro, se supera 63 Pa (130 dB rispetto a 20 µPa),

— il livello di potenza acustica ponderato A emesso dalla macchina, se il livello di pressione acustica dell’emissione ponderato A nei posti di lavoro supera 80 dB(A).

 

I suddetti valori devono essere o quelli misurati effettivamente sulla macchina in questione, oppure quelli stabiliti sulla base di misurazioni effettuate su una macchina tecnicamente comparabile e rappresentativa della macchina da produrre.

Quando si tratta di una macchina di grandissime dimensioni, invece del livello di potenza acustica ponderato A possono essere indicati livelli di pressione acustica dell’emissione ponderati A in appositi punti intorno alla macchina.

 

Allorché non sono applicate le norme armonizzate, i dati acustici devono essere misurati utilizzando il codice di misurazione più appropriato adeguato alla macchina. Ogniqualvolta sono indicati i valori dell’emissione acustica, devono essere specificate le incertezze relative a tali valori. Devono essere descritte le condizioni di funzionamento della macchina durante la misurazione e i metodi utilizzati per effettuarla.

Se il posto o i posti di lavoro non sono o non possono essere definiti, i livelli di pressione acustica ponderati A devono essere misurati a 1 m dalla superficie della macchina e a 1,60 m di altezza dal suolo o dalla piattaforma di accesso. Devono essere indicati la posizione e il valore della pressione acustica massima.

 

LE NORME DI RIFERIMENTO

L’attività di rilevamento e misurazione del rumore viene demandata a figure esperte, poiché deve essere svolta seguendo le indicazioni di norme sull’acustica che regolamentano l’iter e l’esecuzione delle prove, affinché il loro risultato possa ritenersi certificato e a presunzione di conformità. Tra queste ricordiamo le norme:

🔶 UNI EN ISO 3746:2011, determina i livelli di potenza sonora e di energia sonora delle sorgenti di rumore tramite misurazione della pressione sonora

🔶 UNI EN ISO 11204:2010, determina i livelli di pressione sonora di emissione al posto di lavoro e in altre specifiche posizioni, di macchine e apparecchiature

🔶 UNI EN ISO 4871:2009, descrive le informazioni acustiche e di prodotto che devono figurare nella documentazione tecnica per la stesura della dichiarazione di emissione sonora di macchine e apparecchiature

🔶 UNI EN ISO 11200:2020, fornisce le linee guida per l’uso delle norme di base per la determinazione dei livelli di pressione sonora di macchine e apparecchiature.

 

Misurazione del suono

 

LE PROVE RUMORE

Le Prove rumore sono prove strumentali svolte attraverso apposita strumentazione, che certificano il valore di rumore emesso da una macchina nelle diverse situazioni di operatività. La documentazione tecnica ad esse relativa va inserita nel Fascicolo Tecnico della macchina.

Il Fonometro è lo strumento di norma utilizzato, e serve per misurare il livello sonoro emesso da una fonte; dotato di un microfono, consente di avere una misurazione immediata del rumore (nella sua versione più semplice) oppure di analizzare anche il rumore alle varie frequenze, misurare la perdita di trasmissione attraverso le barriere architettoniche ecc.

Quando non è possibile usare il fonometro per caratteristiche intrinseche della macchina, si utilizzano dei Dosimetri di rumore, cioè dei misuratori dell’esposizione sonora che si applicano direttamente sulla spalla dell’operatore sul lato più esposto al rumore.

Per le prove fonometriche si utilizzano anche dei Calibratori acustici, cioè dei dispositivi che servono a calibrare direttamente in campo l’intera catena strumentale prima e dopo ogni campagna di indagine acustica.

 

LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RUMORE

Il fabbricante di macchine deve progettare e costruire i suoi prodotti in modo tale che i rischi dovuti all’emissione di rumore aereo siano limitati al minimo. È dunque sua responsabilità la riduzione dei rischi provocati dal rumore della macchina in termini di possibili danni acustici.

Già nella fase di progettazione deve individuare la fonte (o le fonti) di emissione del rumore, e adottare le soluzioni necessarie per ridurne i rischi derivanti, come l’adozione di ripari acustici, barriere antirumore, pareti fonoassorbenti.

Anche l’indagine fonometrica sul clima acustico già presente nell’ambiente in cui verrà posizionata la macchina (mappatura acustica) è un’attività di valutazione del rischio rumore, poiché i suoi risultati andranno a sommarsi a quelli relativi alla macchina.

Ciò che attesta l’adempimento degli obblighi in materia di rumore da parte del fabbricante è la documentazione tecnica relativa alla Valutazione del rischio rumore, ma anche l’apposizione sulla macchina della targhetta riportante il livello di potenza sonora garantito dagli esiti delle prove rumore svolte.

 

CONCLUSIONI

Come è facilmente comprensibile ogni volta che si fa cenno al tema della sicurezza macchine si fa riferimento a fattori per i quali occorre avere davvero un particolare riguardo, poiché direttamente e realmente correlati alla sicurezza degli operatori e alla tutela della loro salute.

L’Ipoacusia da rumore è una delle malattie professionali più denunciate in Italia, questo non può che essere uno spunto di riflessione.

 

Devi eseguire le prove rumore per la tua macchina?

Contattaci o vieni a trovarci, ti aspettiamo!

 

Approfondimento Inail sull’Ipoacusia da rumore  👇

Ipoacusia Statistiche Inail

#FreeEdit #quellideimanuali #noiteniamoalnostrolavoro #documentazionetecnica #comunicazionetecnica #sicurezzamacchine #proverumore #rischiorumore #fascicolotecnico #riskassesment #valutazionedeirischimacchina #RESS
Ph: pixabay.com


Condividi l'articolo
About the Author