fbpx
SICUREZZA MACCHINE: LE PROVE VIBRAZIONI

SICUREZZA MACCHINE: LE PROVE VIBRAZIONI

Condividi l'articolo

Lavoratore martello demolitore

Così come il Rumore anche le Vibrazioni meccaniche rappresentano un agente di rischio che occorre misurare, e successivamente valutare, per garantire la conformità di una macchina ai requisiti essenziali di sicurezza e tutela della salute richiesti dalla legge.

Sottoporre infatti un operatore all’utilizzo prolungato di macchine o attrezzature che emettono vibrazioni di una certa entità, può comportare non solo disagio e difficoltà nel compiere il proprio lavoro, ma aumenta anche notevolmente il rischio di provocare un grave danno alla salute, come ad esempio la Sindrome da vibrazione mano-braccio.

Le prove vibrazioni che un fabbricante è tenuto a compiere sono parte integrante del processo di certificazione marcatura CE di una macchina: anche dalla presenza di questi test dipende la conformità o meno di una macchina ai requisiti essenziali di sicurezza di riferimento.

L’obbligo del fabbricante è sempre lo stesso: valutare il rischio, in questo caso quello da vibrazioni, con l’obiettivo di eliminarlo e, se non è possibile, ridurlo il più possibile attraverso riduzioni attive o passive a seconda dei casi.

 

LE VIBRAZIONI

Le vibrazioni attinenti al concetto di sicurezza macchine sono da intendersi come movimenti oscillatori meccanici rispetto ad un punto di equilibrio, e la direttiva 2002/44/CE Prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (vibrazioni) le classifica in due categorie

🔸 vibrazioni trasmesse al sistema mano-braccio: le vibrazioni meccaniche che, se trasmesse al sistema mano-braccio nell’uomo, comportano un rischio per la salute e la sicurezza dei lavoratori, in particolare disturbi vascolari, osteoarticolari, neurologici o muscolari;

🔸 vibrazioni trasmesse al corpo intero: le vibrazioni meccaniche che, se trasmesse al corpo intero, comportano rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, in particolare lombalgie e traumi del rachide.

 

Le vibrazioni mano-braccio (HAV – Hand Arm Vibration) sono quelle trasmesse all’articolazione mano-braccio a seguito dell’impugnatura (con una o entrambe le mani) di una macchina o di un’attrezzatura vibrante che necessita di essere condotta a mano. Può trattarsi ad esempio di:

◼ martelli demolitori
◼ motoseghe
◼ decespugliatori
◼ smerigliatrici

Le vibrazioni al corpo intero (WBV – Whole Body Vibration) sono quelle trasmesse attraverso il contatto con il sedile di un mezzo di trasporto o di una macchina semovente quando l’operatore ne è alla guida, oppure da macchine industriali fisse. I primi sono di norma mezzi di movimentazione su cingoli o su gomma, oppure mezzi trasporto utilizzati nel settore dell’industria e dell’agricoltura quali

◼ gru
◼ autogru
◼ trattori
◼ ruspe
◼ carrelli elevatori

Le macchine industriali fisse che emettono vibrazioni possono invece essere

◼ frantoi
◼ vibrovagli

 

Tra i fattori che vengono misurati per le vibrazioni vi sono i tempi di esposizione, l’intensità della vibrazione, gli assi lungo cui si propagano.

 

Escavatore

 

LA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E LE VIBRAZIONI

Nell’Allegato I la direttiva Macchine 2006/42/CE nella sezione dei “Rischi dovuti ad altri pericoli” inserisce le vibrazioni emesse da una macchina tra i Requisiti Essenziali di Sicurezza e tutela della Salute da rispettare:

1.5.9. Vibrazioni

La macchina deve essere progettata e costruita in modo tale che i rischi dovuti alle vibrazioni trasmesse dalla macchina siano ridotti al livello minimo, tenuto conto del progresso tecnico e della disponibilità di mezzi atti a ridurre le vibrazioni, in particolare alla fonte.

Il livello dell’emissione di vibrazioni può essere valutato in riferimento ai dati comparativi di emissione di macchine simili.

 

Non solo, per ovviare ai pericoli dovuti alla mobilità delle macchine le Istruzioni hanno requisiti essenziali supplementari di sicurezza e tutela della salute aggiuntivi, tra cui le informazioni relative alle vibrazioni:

3.6.3. Istruzioni

3.6.3.1. Vibrazioni

 Le istruzioni devono fornire le seguenti indicazioni relative alle vibrazioni trasmesse dalla macchina al sistema mano-braccio o a tutto il corpo:

— il valore totale di vibrazioni cui è esposto il sistema mano-braccio, quando superi 2,5 m/s2. Se tale livello è inferiore o pari a 2,5 m/s2, deve essere indicato,

 — il valore quadratico medio massimo dell’accelerazione ponderata cui è esposto tutto il corpo, quando superi 0,5 m/s2. Se tale livello è inferiore o pari a 0,5 m/s2, deve essere indicato,

 — l’incertezza della misurazione.

 I suddetti valori devono essere quelli misurati effettivamente sulla macchina in questione, oppure quelli stabiliti sulla base di misurazioni effettuate su una macchina tecnicamente comparabile rappresentativa della macchina da produrre.

Allorché non sono applicate le norme armonizzate, i dati sulle vibrazioni devono essere misurati usando il codice di misurazione più appropriato adeguato alla macchina.

Devono essere descritte le condizioni di funzionamento della macchina durante la misurazione e il codice di misurazione utilizzato per effettuarla.

 

Infine anche nell’allegato VII – Fascicolo Tecnico per le macchine la direttiva Macchine fa riferimento in modo indiretto alle prove vibrazioni, includendole all’interno delle prove che in generale il fabbricante è tenuto a fare prima dell’immissione sul mercato o della messa in servizio della macchina:

1️⃣ Fascicolo tecnico per le macchine

La parte A del presente allegato descrive la procedura per l’elaborazione del fascicolo tecnico. Il fascicolo tecnico deve dimostrare la conformità della macchina ai requisiti della presente direttiva. Esso deve riguardare, nella misura in cui ciò sia necessario a tale valutazione, la progettazione, la fabbricazione ed il funzionamento della macchina. […]

1️⃣ Il fascicolo tecnico comprende gli elementi seguenti:

1️⃣ a) un fascicolo di costruzione composto:

                        […]

— dai disegni dettagliati e completi, eventualmente accompagnati da note di calcolo, risultati di prove, certificati, ecc., che consentano la verifica della conformità della macchina ai requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute,

— dalla documentazione relativa alla valutazione dei rischi che deve dimostrare la procedura seguita, inclusi:

1️⃣  i) un elenco dei requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute applicabili alla macchina,

1️⃣ ii) le misure di protezione attuate per eliminare i pericoli identificati o per ridurre i rischi e, se del caso, l’indicazione dei rischi residui connessi con la macchina,

[…]

— da qualsiasi relazione tecnica che fornisca i risultati delle prove svolte dal fabbricante stesso o da un organismo scelto dal fabbricante o dal suo mandatario […]

 

 Il fabbricante della macchina o dell’attrezzatura vibrante è dunque tenuto a fornire le informazioni relative alle vibrazioni emesse dai suoi prodotti, e lo fa inserendole nel MUM (Manuale Uso e Manutenzione) come indicato dalla direttiva Macchine.

  

LE NORME DI RIFERIMENTO

Come per le prove rumore anche le prove Vibrazioni vengono demandate a personale esperto in grado di svolgere i test strumentali secondo le norme di riferimento, affinché siano effettuati con modalità che perseguano la presunzione di conformità. Tra le norme relative alle Vibrazioni citiamo:

◼ UNI EN ISO 20643:2012 Vibrazioni meccaniche – Macchine portatili e condotte a mano – Principi per la valutazione della emissione di vibrazioni

◼ UNI EN ISO 1032:2009 – Vibrazioni meccaniche – Esame di macchine mobili allo scopo di determinare i valori di emissione vibratoria

◼ UNI EN ISO 7096:2009 – Macchine movimento terra – Valutazioni di laboratorio delle vibrazioni trasmesse al sedile dell’operatore

◼ UNI EN 13059:2008 – Sicurezza dei carrelli industriali – Metodi di prova per la misurazione delle vibrazioni

◼ UNI EN 13490:2009 – Vibrazioni meccaniche – Carrelli industriali – Valutazione in laboratorio e specifica delle vibrazioni trasmesse all’operatore dal sedile.

 

Cartello muletto

 

LE PROVE VIBRAZIONI

Le prove vibrazioni sono prove strumentali che misurano le vibrazioni trasmesse da una macchina/attrezzatura vibrante al sistema mano-braccio oppure al corpo intero dell’operatore.

Le vibrazioni emesse vengono misurate secondo standard di prova che prendono in considerazione condizioni di impiego realistiche, ovvero procedure di misurazione svolte sul campo in reali condizioni di lavoro, con gli operatori in piedi o seduti in base alla tipologia di macchina/attrezzatura, affinché i risultati prodotti siano riproducibili e il più accurati possibile. Così facendo è possibile tenere conto degli effetti legati alla modalità di impiego in modo adeguato.

 

Tra gli strumenti che vengono utilizzati per effettuare le prove vibrazioni ricordiamo:

l’Accelerometro, è un dispositivo che viene fissato sulla superficie vibrante e rileva le oscillazioni da essa provenienti, tramutandole in segnali elettrici che vengono inviati ad un vibometro per la loro analisi

◼ il Vibometro, è un device portatile che riceve i segnali elettrici trasmessi dall’accelerometro e li elabora, permettendo anche un confronto tra i valori misurati e i valori limite vigenti.

Tutta la strumentazione usata per svolgere le prove vibrazioni deve essere calibrata prima e dopo ogni serie di misurazioni, tarata ogni due anni ed essere conforme alle relative norme.

 

Come per il rumore anche la documentazione tecnica relativa alle vibrazioni va inserita nel Fascicolo Tecnico della macchina/attrezzatura.

 

CONCLUSIONI

Le denunce di malattie professionali riconducibili ad agenti fisici effettuate dal 2012 al 2017 compresi, dimostrano chiaramente come patologie quali Sindrome del tunnel carpale, Sindrome di Raynaud e Ernia discale lombare siano riconducibili a vibrazioni meccaniche trasmesse al sistema mano-braccio oppure al corpo intero, come fattore causale o concausale della malattia stessa.

Più il fabbricante riesce a eliminare/diminuire il rischio da vibrazioni alla fonte, minore sarà la possibilità dell’operatore di incappare in malattie da esso derivanti.

 

Produci macchine o attrezzature e devi eseguire le prove vibrazioni?

Vieni a trovarci, ti aspettiamo!

 

Approfondimento INAIL sulla Valutazione del Rischio – 2019
(Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale – INAIL)

Inail Valutazione Rischio Vibrazioni

 

#FreeEdit #quellideimanuali #sicurezzamacchine #documentazionetecnica #comunicazionetecnica #vibrazioni #provevibrazioni #RES #RESS #Inail
Ph: pixabay.com


Condividi l'articolo
About the Author