Internet: l’unica alternativa al sondaggio

Comunicazione è il dialogo tra due o più soggetti, promuovere un prodotto significa contemporaneamente spiegarlo, farne conoscere qualità e pregi e capire le richieste del mercato, identificare al meglio i clienti e comprendere quanto e cosa questi chiedono da quel prodotto: che cosa ne pensano.

Lo strumento principe per individuare e analizzare le richieste del mercato è sempre stato il sondaggio: si sceglieva il campione, selezionavano le domande e cercava di capire interpretando i risultati, attraverso un indagine statistica.
Un sistema complesso, fortemente legato all’interpretazione, con costi elevati e buone possibilità d’errore non c’erano altri mezzi, senza un budget adeguato la comunicazione era totalmente a senso unico, lasciata senza possibilità di verifica.

Poi è nato il web, tecnicamente basato su scambi di informazioni (richieste di visualizzazione) di contenuti; ogni volta che guardiamo un testo, un’immagine contenuta su un sito lasciamo tutte le informazioni necessarie affinché la nostra richiesta di visualizzazione possa essere soddisfatta.
Questa implicazione tecnica permette di mappare tutte le informazioni relative ai visitatori di un sito, ha consentito al marketing, attraverso l’analisi delle pagine web di conoscere richieste e desideri del proprio pubblico senza necessità di chiederlo, solo visualizzando i flussi delle loro navigazioni.

Un solo esempio:

Un catalogo prodotti strutturato in sezioni e sottosezioni organizzate correttamente, permette di identificare i prodotti più ricercati e consultati con precisione; nel caso di prodotti fortemente stagionali, confrontando le navigazioni con le vendite dell’anno precedente si potrà anticipare l’andamento del mercato, capire quali siano specifiche e richieste e di conseguenza organizzare acquisti, produzione e magazzino.

Su questa strada si inseriscono tante strategie di comunicazione, basate sull’interazione con i navigatori:

  • Marketing promozionale online
  • Web marketing virale
  • Ottimizzazione posizionamento nei motori di ricerca
  • Campagne Pay Per Click

E­mail marketing

Mandare tante mail non significa necessariamente raggiungere tanti destinatari.

Ogni messaggio di posta elettronica inviato ad un cliente può essere visto come e-mail marketing (invio massivo di messaggi costruiti sulle esigenze del cliente) o, all’opposto come spam (messaggio non desiderato e molesto).
La differenza è data dalla capacità di padroneggiare un mezzo apparentemente semplice e quotidiano per chiunque usi la posta elettronica e trasformalo da semplice invio massivo a sistema di comunicazione: vere e proprie campagne strutturate con obiettivi e metodi per raggiungerli codificati.

Per usare l’e-mailing come sistema per integrare il rapporto tra azienda e i suoi clienti, aumentarne la fidelizzazione o acquisirne di nuovi bisogna lavorare su livelli differenti: dalla strutturazione del messaggio e sua personalizzazione one to one alla segmentazione e profilazione degli utenti, all’analisi dei risultati.

I vantaggi sono molteplici: dai tempi rapidi al controllo dei costi e ritorno dell’investimento: come gli accessi al proprio sito web, le campagne di e-mail marketing sono monitorabili in ogni messaggio.
Se il messaggio è stato costruito correttamente è possibile misurare ogni aspetto della campagna: utenti raggiunti, aperture della mail, accesso a una pagina web dedicata del sito e contenente maggiori informazioni, fino alla misurazione del grado di soddisfazione del cliente.

Indicizzazione PPC e SEO

Non basta esserci, bisogna farsi trovare

I siti web attivi nel 2012 sono oltre 630 milioni e i domini registrati 246 milioni;  i domini nazionali italiani (.it) registrati sono oltre 2.300.000
Numeri impressionanti e in continua crescita a dimostrazione del consolidamento di un sistema di comunicazione ormai maturo, con strategie consolidate che nel tempo si è sostituito totalmente ad altre forme pubblicitarie (ricordate ancora le pagine gialle?).

Ma possedere un dominio di primo livello, avere online un sito web non significa necessariamente essere presenti.
Per avere un adeguato numero giornaliero di visitatori (in stretta relazione al tipo di prodotto / servizio offerto) è necessario che il sito sia rintracciabile attraverso sistemi di promozione online e i principali motori di ricerca.

 

Ottimizzazione per i motori di ricerca (Search Engine Optimization)

Non sempre Google e gli altri motori di ricerca vedono il sito come lo vediamo noi, gli occhi sono diversi e gli interessi di un software nato per indicizzare e assegnare punteggi di rilevanza a partire da precise parole chiave potrebbero essere molto diversi dai nostri.

Per ottenere risultati l’unica strada è l’ottimizzazione del sito per i motori di ricerca.
Durante la realizzazione è indispensabile attivare numerose buone pratiche per garantire il miglior posizionamento possibile, lavorando sia a livello di codice (la parte non visibile di ogni sito) sia a livello semantico dei contenuti.

Molto spesso però c’è la necessità di intervenire a sito ormai online: per sopperire ad errori strutturali commessi durante lo sviluppo, o per incrementare gli accessi o per recuperare posizioni inevitabilmente perse con il trascorrere del tempo.
Particolarmente in questo caso si tratta di un lavoro fine, fatto di tempi risposta lunghi, conoscenza delle tecniche e attenzione per i dettagli.

 

Indicizzazione Pay per Click

L’indicizzazione naturale, ottenuta tramite l’ottimizzazione per i motori di ricerca è gratuita e consistente nel tempo, ma si attua lentamente e spesso non è così efficace per azioni mirate, limitate nel tempo e caratterizzate da obiettivi precisi.
La promozione di un prodotto in sconto per un breve periodo non potrebbe mai essere affrontata in questo modo.

C’è quindi la possibilità di acquistare pubblicità online sugli stessi motori di ricerca o su reti di siti web relazionati agli stessi motori, con metodi misti, a cavallo tra l’acquisto di spazi pubblicitari tradizionali e l’indicizzazione con parole chiave.